Autunno, arriva il primo freddo e la pelle deve essere protetta

Autunno, arriva il primo freddo e la pelle deve essere protetta. Perché, quando le temperature scendono, la pressione sanguigna diminuisce e la minore ossigenazione della pelle causa un indebolimento naturale. Bisogna intervenire nel modo giusto, per difendere l’epidermide e arginare i danni.

L’importanza della vitamina C

Elemento fondamentale, in questo percorso, è la vitamina C, basilare per la formazione del collagene. Meglio dunque indirizzarsi verso prodotti come, per esempio, Bye Bye Dullness, di It Skincare, è un siero ultra concentrato, formulato con vitamina C pura al 15 per cento, una formula che protegge la pelle dallo stress ossidativo dei radicali liberi e regala alle pelle un aspetto radioso. È sufficiente applicare poche gocce sul viso pulito al mattino e poi completare con la routine quotidiana. È adatto anche alle pelle più sensibili. Della stessa linea, Bye Bye Dark Spots è anch’esso ricco di vitamina C e rende la pelle più uniforme, combattendo macchie e discromie.

Una maschera, perché no?

Per levigare e illuminare l’epidermide si può anche provare una maschera. Filorga Meso-Mask agisce su rughe, segni di affaticamento e perdita di luminosità. E questo grazie a NCEF, il cocktail esclusivo di Filorga che incapsula acido ialuronico, ingredienti multi-rivitalizzanti, ramnosio che consente di mantenere il corretto livello di idratazione cutanea, collagene ed elastina che svolgono un’azione booster sulla rigenerazione cellulare. La maschera è composta da una crema dalla texture vellutata. Si può applicare una o due volte a settimana, lasciandola in posa per circa 15 minuti per poi rimuoverla con acqua tiepida.

 

Sul viso, un’attenzione particolare deve essere dedicata al contorno occhi, scegliendo una crema nutriente e idratante. Come Creamy Eye Treatment di Kiehl’s, dalla formula a base di vitamina A, olio di Avocado e acidi grassi: un insieme che dona luminosità ed elasticità alla zona perioculare. È un contorno occhi che protegge anche dalla sovra-esposizione a schermi digitali, si assorbe velocemente ed è oftalmologicamente testato.

 

Print Friendly, PDF & Email
No Comments Yet

Comments are closed

Mostra social
Nascondi social
×
Newsletter

Iscriviti alla newsletter

×
Newsletter

Iscriviti alla newsletter